Tag Archives: RSI

Il mito di Agamennone – La morte del re

Il mito di Agamennone – La morte del re

Il racconto del mito di Agamennone è collegato alla nostra recensione della collana “Grandi Miti Greci”, Volume 27: Agamennone – Il re dei re.

Se non ricordi bene come mai Clitemnestra vuole vendicarsi di Agamennone leggi: Il mito di Agamennone – Tradimento della fiducia: Agamennone e Ifigenia

Se vuoi una panoramica completa della saga mitologica della famiglia di Agamennone ascolta la trasmissione con Andreas Barella Mitologia Express – Gli Atridi: una famiglia rosso sangue

Durante il viaggio di ritorno da Troia, Agamennone fu protetto da Era (o Latona), moglie di Zeus, che salvò la sua nave da una violenta tempesta, che invece aveva investito le navi dei principi greci e aveva spinto Menelao fino in Egitto.

Clitemnestra, la moglie di Agamennone, aveva precedentemente persuaso il marito ad accendere un falò sul monte Ida non appena avesse espugnato Troia. Una sentinella stava in piedi sul tetto del palazzo di Micene in attesa di scorgere quel fuoco; e quando lo vide, corse a comunicarlo a Clitemnestra. Questa indisse grandi festeggiamenti con ricchi sacrifici agli dèi, simulando riconoscenza e gioia; Egisto, cugino di Agamennone intanto, approntava il suo piano, mise uno degli uomini più fidati di guardia sulla torre presso il mare e gli promise una generosa ricompensa non appena gli avesse annunciato lo sbarco di Agamennone.

Dopo il viaggio fortunoso, Agamennone sbarcò in patria. Portava con sé, come parte del bottino e come sua concubina, la principessa Cassandra, sorella di Paride e sacerdotessa di Apollo, che aveva il dono della preveggenza ma anche la maledizione divina di non essere mai creduta. All’ingresso del palazzo ella ammonì il re di non entrare presagendo l’attentato, ancora una volta non fu creduta e il re non l’ascoltò.

Secondo Pindaro e i tragici greci, Agamennone venne ucciso con un lábrys (λάβρυς), mentre si trovava solo nel bagno. Su istigazione di Egisto, la moglie lo imbrigliò prima nella rete che gli aveva gettato addosso, poi lo colpì. Subito dopo, Clitemnestra si scagliò anche contro Cassandra e, con la stessa arma, la uccise. Il suo sordo rancore per il sacrificio di Ifigenia e la gelosia per Cassandra, avevano finalmente attuato la vendetta di Tieste, come era stato predetto dall’oracolo di Delfi.

ll mito di Agamennone, riassunto dalla versione di Robert Graves ne “I Miti Greci”. Un libro pubblicato da numerose case editrici e che vi consigliamo caldamente. Qua trovate la nostra recensione al volume di Graves

Il piano dell’opera “Grandi Miti Greci” e recensioni agli altri volumi.

Cosa facciamo noi de La Voce delle Muse
Ti piacciono i nostri post? Vuoi sostenerci con un piccolo contributo? Offrici un caffè

Recensione: Agamennone – Il re dei re

Recensione: Agamennone – Il re dei re

“Nessun altro portò a Troia tante navi come lui, tanti soldati e carri da guerra. Cento navi piene dei guerrieri più forti, scelti dalle molte città; Agamennone li guidava combattendo avvolto nella siua armatura di bronzo rilucente nel sole.” (Giulio Guidorizzi, Io, Agamennone)

Dal risvolto di copertina: “È famosa nell’immaginario comune la maschera funeraria in oro ritrovata a Micene e identificata come quella di Agamennone, ma cosa si nasconde dietro questo volto? Le origini del personaggio si perdono nel tempo: una stirpe maledetta, quella di Pelope, signore della città di Pisa, figlio di Tantalo e padre di Atreo avuto dalla moglie Ippodamia. Atreo, insieme al fratello Tieste, avrebbe poi ucciso il fratellastro Crisippo, un delitto che gli attirò l’ira paterna e la condanna all’esilio. Così i due fratelli si rifugiarono a Micenee successivamente ne assunsero il governo. Agamennone eredita il regno e la condanna. Eroe dell’Iliade, valoroso combattente del “poema della forma”, come lo definì Simone Weil, infine vincitore della guerra ma destinato a una morte violenta per mano della moglie Clitemnestra, che vendica così la morte della figlia Ifigenia da lui sacrificata per consentire la partenza della flotta greca verso Troia. Una vicenda complessa che, come molta della mitologia greca, è soprattutto lotta contro il destino.

Dall’introduzione di Giulio Guidorizzi: “Agamennone esprime, nei racconti, tutta la forza torva e grandiosa del mondo miceneo, rivelato dalle sue rovine: la porta dei leoni che segna l’ingresso in una cittadella possente, con mura fatte di enormi blocchi di pietra, un nido d’aquila in cui si percepisce il fascino di un’epoca grande e terribile. Il re dei re dipinge la cecità dei grandi: camminano come fossero onnipotenti, eppure dalla grandezza alla rovina il passo è brevissimo. Sembra che il destino di Agamennone, con l’ombra di potere funesto che si allarga sulla sua stirpe, sia quello di rappresentare appunto la grandezza e i limiti del potere, e insieme il ritmo inesorabile del destino che attende di compiersi su tutti, e nel modo più crudele, travolgendo gloria e grandezza.”

Oltre alla narrazione del mito, il volume contiene anche approfondimenti sulla sua fortuna nel corso dei secoli, in tutte le forme artistiche: letteratura (con una ricca antologia di testi classici sul mito), pittura, teatro, cinema. Inoltre vi è una tavola genealogica, e un ricco apparato bibliografico e sitografico. Il volume su Agamennone è curato da Caterina Barone, docente di Storia del teatro antico greco e latino e Drammaturgia antica presso l’Università degli studi di Padova. Qui i suoi ultimi volumi pubblicati.

L’intera collana di trenta volumi è a cura di Giulio Guidorizzi. Guidorizzi è grecista, traduttore, studioso di mitologia classica e antropologia del mondo antico. Ha scritto numerosi libri sulla mitologia. Noi vi consigliamo, per iniziare, il suo bellissimo Il mito greco (in due volumi, usciti nel 2009 e nel 2012). Qui una lista di suoi volumi sul mito greco.

Ascolta la trasmissione Mitologia Express – Gli Atridi: una famiglia rosso sangue
Il mito di Agamennone – Tradimento della fiducia: Agamennone e Ifigenia
Il racconto del mito di Agamennone – La morte del re
Il piano dell’opera “Grandi Miti Greci” e recensioni agli altri volumi.

Cosa facciamo noi de La Voce delle Muse
Ti piacciono i nostri post? Vuoi sostenerci con un piccolo contributo? Offrici un caffè

Mitologia Express – Gli Atridi: una famiglia rosso sangue

Mitologia Express – Gli Atridi: una famiglia rosso sangue

La puntata dell’11 agosto 2019 di Mitologia Express. Il sommario: “Cominceremo con Il Mito Quotidiano, che oggi contempla una storia con protagonisti Agamennone, sua moglie Clitemnestra, la loro figlia Ifigenia e, in seguito anche il loro figlio Oreste. Parleremo di come la voglia di guerra e di gloria si possa mettere in competizione, in modo al giorno d’oggi inaudito, con l’amore di un padre per i propri figli. Vedremo anche come, nella antica Grecia, fosse particolarmente pericoloso sfidare gli dèi e le dee…In seguito, vi presenteremo una nuova voce del nostro Dizionario Mitologico: oggi parleremo di Artemide, la vergine dea della caccia.”

Care amiche, Cari amici, Andreas Barella (una delle tre Muse), assieme a Loriana Sertoni, ha condotto la prima stagione di MITOLOGIA EXPRESS, in onda su RETE UNO della Radio Svizzera di lingua italiana (RSI). Ogni settimana i nostri due esploratori mitologici hanno scoperto un nuovo luogo intrigante sulla mappa fantastica del mondo del mito: la biblioteca perduta di Alessandria, la grotta del Ciclope Polifemo, il palazzo di Cnosso a Creta… Per spostarsi da un luogo all’altro, Loriana e Andreas hanno viaggiato sul Mitologia Express, uno stupendo convoglio a vapore che percorre le rotaie della fantasia, della curiosità e dell’esplorazione in un ambito tanto importante e tanto amato dagli esseri umani: quello della mitologia. Si è trattato, nelle parole di Andreas, della “realizzazione di un sogno che da tanti anni accarezzavo: quello di scrivere una trasmissione che rendesse leggere e fruibili da tutte le persone le ricche e variegate storie della mitologia greca.” A noi pare che l’esperimento sia pienamente riuscito.

Partite con loro e lasciatevi allettare dalle ricche rubriche. “Il mito quotidiano”: un racconto tratto dal mito greco e commentato da Andreas Barella. “L’antro della Pizia”: la rubrica di domande e risposte. “La finestra delle meraviglie”: il racconto di un mito in una versione pensata espressamente per le ascoltatrici e gli ascoltatori più giovani. Interpretato da Loriana Sertoni. “Il Dizionario mitologico”: gli dèi e le dee dalla A alla Z.

L’ottava puntata di Mitologia Express è andata in onda l’11 agosto 2019 e ha come protagonista gli Atridi, vale a dire i figli di Atreo: Agamenneno e Menelao. Narreremo un mito terribile dove il furore guerriero è più forte dell’amore di un padre per la figlia. Ascolta la trasmissione.

Cosa facciamo noi de La Voce delle Muse
Ti piacciono i nostri post? Vuoi sostenerci con un piccolo contributo? Offrici un caffè

 

 

Mitologia Express – La Pizia nascosta nell’Oracolo di Delfi

Mitologia Express – La Pizia nascosta nell’Oracolo di Delfi

La puntata del 4 agosto 2019 di Mitologia Express. Il sommario: “Nella puntata odierna siamo scesi dal Mitologia Express e ci siamo ritrovati al centro del mondo greco antico… ci troviamo a Delfi, sede dell’oracolo che dava responsi sulle vicende più diverse… e dove viveva la Pizia, protagonista della nostra rubrica L’antro Della Pizia, che oggi darà risposta a un’interessante domanda di Enea: che differenza c’è tra Poseidone e Nettuno? In seguito, e per ringraziare Enea, ci affacceremo alla “Finestra delle meraviglie”, la nostra rubrica dedicata alle ragazze e ai ragazzi in ascolto, e racconteremo la storia del guerriero Enea: fuggito dalla città di Troia alla fine della guerra, viaggerà a lungo sul mare per arrivare a mettere le fondamenta di un’altra grande città: quella di Roma.”

Care amiche, Cari amici, Andreas Barella (una delle tre Muse), assieme a Loriana Sertoni, ha condotto la prima stagione di MITOLOGIA EXPRESS, in onda su RETE UNO della Radio Svizzera di lingua italiana (RSI). Ogni settimana i nostri due esploratori mitologici hanno scoperto un nuovo luogo intrigante sulla mappa fantastica del mondo del mito: la biblioteca perduta di Alessandria, la grotta del Ciclope Polifemo, il palazzo di Cnosso a Creta… Per spostarsi da un luogo all’altro, Loriana e Andreas hanno viaggiato sul Mitologia Express, uno stupendo convoglio a vapore che percorre le rotaie della fantasia, della curiosità e dell’esplorazione in un ambito tanto importante e tanto amato dagli esseri umani: quello della mitologia. Si è trattato, nelle parole di Andreas, della “realizzazione di un sogno che da tanti anni accarezzavo: quello di scrivere una trasmissione che rendesse leggere e fruibili da tutte le persone le ricche e variegate storie della mitologia greca.” A noi pare che l’esperimento sia pienamente riuscito.

Partite con loro e lasciatevi allettare dalle ricche rubriche. “Il mito quotidiano”: un racconto tratto dal mito greco e commentato da Andreas Barella. “L’antro della Pizia”: la rubrica di domande e risposte. “La finestra delle meraviglie”: il racconto di un mito in una versione pensata espressamente per le ascoltatrici e gli ascoltatori più giovani. Interpretato da Loriana Sertoni. “Il Dizionario mitologico”: gli dèi e le dee dalla A alla Z.

La settima puntata di Mitologia Express è andata in onda il 4 agosto 2019 e ha come protagonista la figura mitologica della Pizia, la sacerdotessa sacra d Delfi, che vedeva il futuro e dava responsi a chi veniva ad interrogarla. Ascolta la trasmissione.

Cosa facciamo noi de La Voce delle Muse
Ti piacciono i nostri post? Vuoi sostenerci con un piccolo contributo? Offrici un caffè

Pop economix live show – Quando il teatro spiega in maniera divertente come funziona la finanza

Pop economix live show – Quando il teatro spiega in maniera divertente come funziona la finanza

Andrea Della Neve, una delle tre Muse de LA VOCE DELLE MUSE, sta portando in tournée un divertente, istruttivo e particolare spettacolo: POP ECONOMIX LIVE SHOW: La RSI ha dedicato un servizio allo spettacolo all’interno di Tempi Moderni. Ecco la descrizione: “E’ approdata anche nella Svizzera italiana, grazie ad un adattamento curato dall’attore ticinese Andrea Della Neve, la conferenza-spettacolo, ideata 8 anni fa da alcuni collaboratori dell’Università di Torino (Alberto Pagliarino, Nadia Lambiase e Paolo Piacenza), per chiarire i meccanismi e le conseguenze della crisi finanziaria del 2008. Pop Economix Live Show diverte, intrattiene e soprattutto spiega in maniera semplice ma rigorosa come il fallimento di una banca negli USA, la Lehman Brothers, abbia potuto provocare uno tsunami finanziario internazionale. Lo spettacolo fa anche riflettere il pubblico su questioni economiche  che riguardano tutti.”

QUI POTETE VEDERE IL SERVIZIO DELLA TELEVISIONE SVIZZERO ITALIANA.

Da metà novembre, Andrea  porterà lo spettacolo in alcune scuole superiori, a partire dal Liceo di Locarno. Nuove repliche aperte a tutti a partire dal 2020. Vi terreno informati! Se volete organizzare una replica (in una scuola, in un centro culturale, in un’associazione) scrivete ad Andrea: andrea.dellaneve@popeconomix.org

Cos’è il progetto Pop Economix? La parola ad Andrea: “Si tratta di una narrazione teatrale di impegno civile, parla della crisi economica globale scoppiata nel 2008, delle sue conseguenze e di quanto possiamo fare per promuovere un’economia più etica e sostenibile. Uno spettacolo che gli amici e colleghi di Torino hanno replicato in più di 400 occasioni in Italia.  È frutto di un lungo percorso di ricerca che ha coinvolto economisti, giornalisti e artisti. Mira a informare con obiettività e coinvolgere il pubblico sui temi complessi dell’economia e delle sue implicazioni sulla vita di ciascuno, stimolando a informarsi e assumere un atteggiamento critico e responsabile nei confronti delle diverse opzioni possibili. Lo fa in modo semplice e divertente seppur nel rigore dei contenuti. Da parte mia sono profondamente grato di aver avuto l’occasione di adattarlo per la Svizzera e ora di interpretarlo in questo periodo storico in cui il tema è più attuale che mai.”

Cosa facciamo noi de La Voce delle Muse
Ti piacciono i nostri post? Vuoi sostenerci con un piccolo contributo? Offrici un caffè